Rombo di Tuono

Ormai ci siamo. Rombo di tuono è un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati motociclisti di tutto il nord Italia. Quest’anno sono felice di accompagnare Matteo, presidente de I Santi di Brescia, alla presentazione del libro scritto con e per lui, che racconta la storia vera di come è sorto questo gruppo indipendente che coinvolge ormai centinaia di iscritti in tutto lo stivale.

Saremo presenti sul palco il sabato a partire dalle ore 14.30 e sarà un piacere raccontare questa esperienza e presentare il mio lavoro di scrittore ad un pubblico certamente originale. Noi ci metteremo di impegno per appassionare tutti i presenti, che speriamo certamente essere numerosi e soprattutto curiosi di ascoltare e leggere una storia che a mio parere, ha un buon sapore e merita essere condivisa. Buona strada a tutti. Ci vediamo a Rombo di Tuono!

La vita è veramente imprevedibile.

A volte la strada della vita ci riserva delle curve impreviste, ma di straordinaria bellezza. Così succede che un giorno, un amico che ritengo un fratello, mi telefona e mi chiede non solo di essere presente al suo matrimonio, ma addirittura di essere proprio io a sposarlo! Non sapevo fosse nemmeno legale in Italia fare una cosa come questa. Così parto per Rimini, vado in Comune a firmare delle carte e a portarne delle altre per i giusti e doverosi controlli che la Legge prevede.

Tutto fatto! Tutto autorizzato! Possiamo procedere a lunghi passi verso il giorno più bello di questa coppia di amici. Finalmente preparo il mio discorso, lo leggo e lo rileggo, lo imparo a memoria, ne sottolineo i passaggi che ritengo più belli, e mi preparo alla grande celebrazione. Grand Hotel di Rimini, invitati bellissimi, gli sposi fanno luce e la cornice ha qualcosa di magico. Mi accingo a parlare e mi rendo subito conto di non dire nulla di quanto preparato. Tutto sgorga dal cuore, tutto diventa semplice e meraviglioso allo stesso tempo. Non ho incertezze, ma solo positiva emozione che mi porta a pensare prima di parlare. Arriva il bacio, arriva l’applauso liberatorio degli invitati, arriva la bottiglia di Champagne per festeggiare. Grazie Sabrina e Emanuele, grazie per l’amicizia e l’affetto che mi riservate. Vi voglio bene e sono orgoglioso di aver avuto questo grande onore: celebrare il vostro matrimonio.

Berlino Magazine

Quando meno te lo aspetti, la vita ti regala delle bellissime sorprese. Proprio come un fulmine a ciel sereno mi è arrivata la straordinaria notizia della pubblicazione di una prestigiosa recensione del mio ultimo lavoro Berlin Becher su Berlino Magazine. Si tratta di un sito che parla e promuove la cultura italiana in Germania, soprattutto nella capitale tedesca e si pone al servizio degli italiani che vogliono vivere, lavorare o conoscere la grande città tedesca che dall’abbattimento del muro non ha mai smesso di incuriosire ed affascinare il mondo intero. Per me si tratta certamente di una bellissima notizia e di un grande stimolo a continuare in questo percorso di scrittura che la vita mi ha regalato e che continuerò a perseguire con grande impegno.

Berlin Becher

Con enorme piacere apprendo la notizia che la presentazione ufficiale di Berlin Becher sarà parte integrante del programma ufficiale della prossima edizione del MIG, la fiera internazionale del Gelato che si terrà a Longarone (BL) dal 2 al 5 dicembre.

Per me sarà un piacere enorme poter raccontare la genesi di un romanzo che rappresenta la storia e la vita di migliaia di donne e uomini che hanno deciso di affrontare l’estero per esportare un prodotto e una cultura di prodotto, che sono patrimonio di un territorio particolare e unico come quello in cui si svolge questa prestigiosa manifestazione.

Berlin Becher rappresenta un omaggio alla professione del gelataio, per farne scoprire gli aspetti più umani, più difficili, come il distacco dai propri affetti per “cercare fortuna” in Germania, ma anche in moltissime altre nazioni. Sarà un piacere condividere questa giornata con voi tutti. Vi aspetto numerosi….a presto comunicherò giorno e ora. Seguitemi!

I Santi. La vera storia

Un nuovo progetto nato assieme a Matteo Lorenzi, presidente e fondatore de I Santi di Brescia, un gruppo di motociclisti che per caratteristiche e spirito di gruppo, secondo il mio modesto parere, è l’essenza della gioia e libertà che la motocicletta idealmente rappresenta nell’ideale comune.

Il desiderio di raccontare la sua storia, il piacere di condividere con tutti quelle che sono state le tappe fondamentali per la creazione di un gruppo che ormai identifica alcune centinaia di persone in tutta italia. Una bellissima e scorrevole storia umana, fatta di piacere e di difficoltà, che Matteo ha voluto affidarmi per dargli ordine e forma. Una fotografia degli eventi che hanno condizionato una parte della sua vita.

Ci siamo trovati di fronte ad una birra, e lui mi ha parlato per ore, mi ha raccontato tutto quello che ha vissuto e che ha provato emotivamente. Ne è nato questo semplice, ma profondo e divertente libro, che consiglio a tutti, anche a chi la motocicletta non la ha mai avuta, per fargli comunque scoprire una vita vissuta che ha senso e sapore e quindi merita essere raccontata.

Mai domo

Il vino come prodotto che Madre Natura ci regala. Ci sono mille modi per produrlo, ma certamente la sfida più complicata oggi è produrlo in biodinamico. Maurizio Donadi questa sfida la ha raccolta oltre dieci anni fa e in piena controtendenza ha cominciato a sfidare l’interesse economico, le regole specifiche e prestabilite del metodo convenzionale e tutti i consigli più o meno sensati di operatori del settore senza molti scrupoli.

Una scelta coraggiosa e difficile che ha trovato in Fabiola, sua moglie, un’alleata preziosa e insostituibile. Una scelta di vita precisa, che condiziona ogni giorno non solo la vita aziendale, ma anche quella familiare. Una storia bellissima, che rappresenta la coraggiosa dichiarazione di amore nei confronti della vino, della vita, della famiglia e della natura. Mi hanno dato il prezioso incarico di metterlo in parole, lo abbiamo fatto con un filo di incoscienza e tantissimo amore.

Ne hanno parlato le televisioni nazionali e i giornali specializzati, un motivo ci sarà? Spero proprio di sì.